Costi minimi di esercizio delle imprese di autotrasporto e tempi di pagamento

Autotrasporto – fermo dal 9 al 13 dicembre – situazione
7 dicembre 2013
Vantaggi sui tempi di pagamento IVA
24 gennaio 2014

Costi minimi di esercizio delle imprese di autotrasporto e tempi di pagamento

L’Autorità competente ad irrogare le sanzioni ex art. 83 bis del Decreto legge 112/2008 convertito dalla legge 133/2008 saranno gli Uffici Provinciali della motorizzazione. Questo quanto riportato nella direttiva emanata dal Ministro Lupi in questi giorni, in vista della verifica dell’attuazione del Protocollo d’intesa sottoscritto con le Associazioni dell’Autotrasporto (con la sola eccezione di Trasporto Unito).

Obiettivo dell’articolo 83 bis del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto, 2008, n. 133, e successive modifiche ed integrazioni, è potenziare lo stretto collegamento esistente fra le esigenze di sicurezza stradale e sociale e la necessità di copertura dei costi minimi di esercizio delle imprese di autotrasporto”.
“L’efficacia della normativa è legata alla difficoltà di individuare l’Amministrazione competente a disporre la relativa sanzione amministrativa pecuniaria” come riportato dallo stesso Ministro Lupi.
A tal fine gli Uffici Provinciali della motorizzazione, grazie alla loro capillare diffusione sul territorio, garantiscono, oltre ad un rapporto diretto con gli organi accertatori (Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate), anche un più proficuo rapporto con i trasgressori per la ponderazione dei loro interessi legittimi anche nel corso del procedimento amministrativo”.

Saranno quindi gli U.M.C. a dover applicare le sanzioni per il mancato rispetto delle norme sul MANCATO RISPETTO DEI COSTI MINIMI DI SICUREZZA e quelle sul MANCATO RISPETTO DEI TEMPI DI PAGAMENTO.

Il procedimento, quindi, prevede che l’Agenzia delle Entrate verifichi, nel merito, il rispetto o meno dei Costi minimi da parte del committente e, una volta appurato che così non sia, passi la palla all’U.M.C. che applicherà concretamente le sanzioni.
Resta incertezza sull’attuazione dei controlli, senza i quali non possono essere comunque applicate le sanzioni.

Fonte AssotirThe competent authority to impose sanctions pursuant to art. 83 bis of the Decree Law 112/2008 converted into Law 133/2008 will be the Provincial Offices of the operator. This is what is mentioned in the directive issued by the Minister Wolves these days, with a view to verifying the implementation of the Memorandum of Understanding signed with the transport associations ( with the exception of transport Kingdom).

The objective of Article 83 bis of Legislative Decree 25 June 2008 n . 112, converted into Law August 6, 2008 , n . 133 , as amended and supplemented, is to strengthen the close link between road safety and social needs and the need to cover the minimum cost of operation of trucking companies . ”
 “The effectiveness of the legislation is linked to the difficulty of identifying the Administration has jurisdiction to order its administrative fine ” as reported by the Minister Lupi.
To this end, the Provincial Offices of the engine, due to their widespread distribution on the territory guarantees , as well as a direct relationship with the organs assessors ( Guardia di Finanza and Revenue Agency ), a more fruitful relationship with offenders for the weighting of their legitimate interests, even during the administrative procedure . ”

The U.M.C. must apply sanctions for non-compliance with the rules on FAILURE TO COMPLY WITH MINIMUM COST OF SAFETY and those on the FAILURE TO COMPLY WITH TIME OF PAYMENT .

The process , therefore, provides that the Inland Revenue to occur , on the merits, or less than the minimum of the costs by the customer and , once established that it is not , throw the ball all’UMC that specifically apply sanctions.
Remains uncertainty over the implementation of controls, without which there can still be subject to the penalties .

Source Assotir

Comments are closed.